Articoli, Marketing, Strategie, Suggerimenti, Tutorial

Come funziona la visibilità dei tuoi post su Facebook

La pagina aziendale del tuo negozio su Facebook è lo strumento principale a tua disposizione per promuovere la tua attività e darle visibilità. La tua porta aperta sul mondo social, il tuo modo di raggiungere sempre i tuoi clienti abituali e, se sei bravo, acquisirne di nuovi grazie al marketing. Gestire i social non è semplice, specie se non è il proprio lavoro. Ti sembra che i tuoi aggiornamenti non appaiano nella timeline dei tuoi follower? Ti stai chiedendo in che modo Facebook determina a chi e cosa mostrare dei tuoi post? La risposta è il mitico algoritmo di Facebook.

Come funziona?

Il segreto su come funzioni l’algoritmo di Facebook è gelosamente custodito per ovvie ragioni che riguardano il business della pubblicità sul social. Banalmente il modo più veloce di promuovere la propria attività su Facebook è pagare l’advertising del social. Ma per evitare di sprecare soldi e per meglio programmare le proprie azioni si devono considerare alcuni dati di fatto che si possono dedurre sul funzionamento dell’algoritmo.

Partiamo dalle basi. Più un utente ha interagito con la tua pagina (cioè se ha messo like, condiviso o commentato un tuo post) maggiore è la probabilità che nella sua bacheca compaiano i tuoi nuovi contenuti. Ad esempio se un utente ha visto tutti i video che hai postato, quasi sicuramente vedrà quasi tutti i nuovi video che posti, almeno finché continua a essere così engaged, cioè attivamente partecipe alla tua pagina.

Facebook comincia mostrando alcuni tuoi contenuti a un piccolo gruppo di tuoi follower. Se queste persone rispondono bene allo stimolo, se mettono like, condividono o commentano i tuoi contenuti, allora Facebook includerà il tuo post nel feed di altri utenti. Il tutto con una crescita progressiva.

Eventuali reclami o risposte negative bloccano, rallentano o invertono questo meccanismo. Se un utente di Facebook segnala il tuo post su Facebook o dice di non essere interessato a contenuti come il tuo, allora Facebook non mostrerà più quel contenuto all’utente.

In questo sistema è previsto anche l’aspetto cronologico, ovvero, il nuovo contenuto è sempre considerato più interessante. Più a lungo un contenuto è stato online maggiore sarà la probabilità che Facebook ritenga il contenuto meno pertinente per i tuoi utenti.

Facebook analizza quanto tempo gli utenti spendono per leggere un articolo o visualizzare un video. I dati che ricava servono a costruire una sorta di classifica di quanto siano interessanti gli articoli pubblicati. Facebook non si limita in queste analisi solo ai contenuti “ospitati” sulla piattaforma, ma prende in considerazione con le stesse metriche anche i link esterni. Ad esempio il post che condivide un articolo del proprio blog (link) verrà monitorato quantificando il click sul link e la permanenza dell’utente sull’articolo del blog.

Questa è la ragione per cui è sempre importante mettere gli articoli correlati in fondo a ciascun articolo del proprio sito o blog. Questa pratica permette di far restare di più l’utente sul sito e quindi scalare la classifica.

Il tempo trascorso sul tuo sito web viene utilizzato come indicatore per determinare quali contenuti gli utenti stiano trovando interessanti. Facebook mostrerà più contenuti di questo tipo nelle bacheche dei tuoi follewer.

Questo è il meccanismo in sintesi, ma come possiamo sfruttarlo a nostro vantaggio?

Se vuoi essere più presente nelle bacheche dei tuoi follower devi assicurarti che le persone guardino quel contenuto abbastanza a lungo e possibilmente interagiscano con il post. Questo vale anche per i contenuti condivisi.

Tutto ruota attorno al concetto di “contenuti coinvolgenti”: contenuti pertinenti con cui puoi raggiungere i tuoi fan e amici, coinvolgerli al tuo brand e (si spera) influenzarli.

Il primo passo è assicurarsi che il titolo del tuo articolo o del tuo video prometta quello che poi realmente offre. Un buon titolo è fondamentale per catturare le persone. Un breve video, una buona foto o un paragrafo di testo può aiutare ad avvalorare il contenuto che viene “promesso” nel titolo e stimolare quindi le persone a fare clic.

Il passo successivo è quello di rendere i contenuti interessanti, coinvolgenti e pertinenti al tuo pubblico di destinazione. Ad esempio, mostrare alle persone alcune delle scene dei video che mostrano il lavoro della tua azienda. Oppure potresti condividere articoli in cui il negozio viene segnalato.

E’ molto utile utilizzare le domande dei tuoi visitatori in modo creativo. Molte volte le domande dei tuoi visitatori potrebbero essere una buona fonte di ispirazione. Utilizza quelle domande per il tuo prossimo articolo o post.

Segui le ultime tendenze e gli sviluppi del tuo mercato. Trai le tue considerazioni in materia attraverso un post. Fai uso di “newsjacking” con notizie ogni giorno.

Utilizzando un calendario dei contenuti, è possibile pianificare facilmente in anticipo e poter elaborare argomenti relativi al tuo pubblico.

Gestire i tuoi social efficacemente non è semplice e richiede un lavoro quotidiano dedicato alla visibilità. Ma se rifletti a mente calma sui pro e i contro, alla fine devi solo organizzarti alla luce delle considerazioni fatte sopra e trarrai tutti i vantaggi per la tua attività offline e online sul tuo Airshop.

Ricevi consigli dai nostri esperti via email.

Gratuito, disicrizione immediata con un click.