Articoli, Strategie, Suggerimenti

Saldi 2018. Polemiche e idee

I saldi invernali 2018 iniziano venerdì 5 gennaio in quasi tutte le regioni, tranne che in Basilicata, dove sono iniziati ieri; in Sicilia, il via qui sarà con l’Epifania e in Valle d’Aosta, dove gli sconti iniziano oggi. Finiranno invece in momenti diversi, a seconda della ragione, tra il 28 febbraio e i primi di marzo. Discorso a parte la Campania dove termineranno i primi di aprile.


I NUMERI Secondo Codacons, la spesa media per famiglia diminuirà, scendendo a 168 euro. Nel 2007, prima della crisi e della rivoluzione eCommerce, questa cifra si aggirava sui 400 euro. Da allora, la corsa ai saldi risulta scemata di quasi il 60%. Il fenomeno non è spiegabile solo con la spending review: il commercio sta cambiando in ogni sua forma, nessuna esclusa.


SADI FA RIMA CON POLEMICHE Un volta si chiamavano “Saldi di fine stagione” e cadevano poco prima dell’inizio della primavera e a ridosso dell’autunno. Da anni ormai la musica è ben diversa, come sappiamo, con l’avvio sempre più ravvicinato: da una parte abbiamo i consumatori, che giustamente si sentono vagamente presi in giro vedendo i prodotti acquistati a Natale a prezzo pieno, messi in saldo dopo meno di 15 giorni. Dall’altra abbiamo i negozianti beffati, che oltre a dover rispettare un calendario non scelto da loro, sono costretti a giocarsi il tutto per tutto nel periodo dei saldi, sperando così di chiudere quantomeno in pari la stagione. Del resto quanti di noi si comprerebbero a metà novembre un piumino nuovo, sapendo che dal 5 gennaio potrà acquistarlo scontato del 15, 20 o 30%? In più non bisogna dimenticarsi che i colossi dell’eCommerce fanno dei prezzi competitivi, se non stracciati, il loro punto di forza per tutto l’anno.

CAMBIAMENTO Grazie all’eCommerce il mercato sta cambiando, mentre il commercio italiano resta in gran parte legato a idee novecentesche. Quasi tutti i grandi marchi dell’abbigliamento praticano sconti sin dalle primissime settimane di dicembre, grazie all’aiuto di piani di fidelizzazione clienti tramite card e inserimento in banca dati. In molti li applicano praticamente lungo l’intero anno, ma bisogna fingere che il fenomeno non esista, che riguardi una sparuta percentuale di furbetti, che i saldi abbiano un senso e che, tutto sommato, stavolta avranno successo.

Nell’era di Amazon non si deve andare in giro per trovare l’offerta perfetta. È l’offerta perfetta che ti piove addosso, spesso direttamente sullo smartphone. Proprio per questo la sfida per il retail tradizionale non deve più essere incentrata su come affrontare al meglio i saldi, ma come avere una strategia eCommerce.

LA SOLUZIONE Oggi avere un canale di vendita online è alla portata di tutti e richiede un impegno minimo. Airshop con un clic permette a un negozio di creare il proprio shop online, con una vetrina che si auto aggiorna sfruttando i social network, un sistema di pagamento sicuro e le spedizioni organizzate in automatico dal sistema. Tutto con zero costi di attivazione e nessun canone mensile.

I consumatori italiani non hanno smesso di fare acquisti. Ma, di sicuro, si stanno adeguando al cambiamento più velocemente dei negozi. Non basterà chiudere gli occhi e pensare che il fenomeno non ci riguardi. L’eCommerce prenderà sempre più piede e forse bisognerebbe riflettere sul fatto che se un po’ tutti cercano di aggirare la stagione dei saldi, è perché questa ha perso ormai di significato, diventando un ostacolo non per la grande distribuzione, bensì proprio per il piccolo dettagliante.

Ricevi consigli dai nostri esperti via email.

Gratuito, disicrizione immediata con un click.